Consigli per realizzare un ecommerce

Best practice per non perdere tempo e soldi nel fare un negozio online.

Ormai avere un’attività che non sia presente su internet diventa un problema, per lo meno per la visibilità e la fiducia nei confronti di potenziali clienti, oggi internet è un must per un’azienda, a prescindere dalle sue dimensioni.

Guida all’ecommerce

In questa guida andremo a fornirvi uno spunto interessante su come dovreste far realizzare il vostro store online, senza perdere  tempo e soldi e soprattutto capire come evitare errori che si potrebbero protrarre nel tempo.

Questo articolo è stato sviluppato insieme al Team digital di Greenorganics, nativi digitali con esperienze nel settore di sviluppo di piattaforme e-commerce.

Partiamo dicendo che il vostro progetto e-commerce deve prima nascere nella vostra testa, ovvero va sviluppata un’idea di massima sul suo obiettivo e cercate di rispondere a queste domande:

  1. Sarà solo una vetrina o intendo costruirmi un brand e sviluppare un canale di vendita diretto?
  2. Vendo solo in Italia o potenzialmente posso spingermi anche in Europa?
  3. Tengo in vendita pochi articoli o possiedo/avrò un ampio catalogo?
  4. Posso permettermi un team dedicato o meglio automatizzare processi?

Solitamente le web agency o web designer che si approcciano allo sviluppo del sito, non le fanno mai o perlomeno non tutte, con il risultato che non abbiamo nemmeno scritto una riga di codice e forse abbiamo già perso tempo e probabili soldi in partenza.

Solo vetrina o vero e proprio store online?

La risposta a questa domanda è fondamentale, se volete solo una vetrina online per far trovare il vostro negozio fisico, potete tranquillamente usare WordPress, far aggiungere il plug-in Seo Yoast e potenzialmente aggiungere anche i prodotti, lavorando sul posizionamento locale, stop il vostro obiettivo è finito e lo sviluppo, ripeto SVILUPPO del vostro sito non dovrà costare più di 2-3.000€

Se invece il vostro store dovrà lavorare sul mercato online la risposta è dipende dalle vostre esigenze, quali sono? Sono le risposte alle altre domande.

Mercato Italiano o Straniero?

Sono più che consapevole che circa il 90% risponderà per ora il mercato italiano, poi si vedrà. Ecco, appunto, proprio per questo motivo, se volete evitare di dover rifare il sito da capo, sarà conveniente avere una soluzione scalabile.

Con salabile, intendiamo ottenere massimo risultato col minimo sforzo di soldi e tempo e  ci sono solo 2 soluzioni ovvero, aggiungere un plug-in che vi duplichi le pagine , fornendovi una copia tradotta nella o nelle lingue scelte.

Oppure duplicare il sito, tradotto nella lingua scelta e su domini con estensione legata alla nazione di riferimento, installando un plug-in di geo localizzazione dell’IP di provenienza.

Avete pochi articoli in vendite o ne avete molti?

Domanda molto importante, se avete pochi articoli e quelli sono (50-100 articoli) sono pochi, da 100 in su iniziano ad esserne diversi, e soprattutto prevedete di aumentarne?

La risposta a questa domanda fornisce un indizio su quale CMS scegliere.

Perché se per esempio avete solo 10 articoli ma prevedete di vendere in 8 paesi, voi avete 80 articoli se il multilingua è solo un plug-in che duplica la pagina/prodotto da tradurre, la scelta del CMS sarà quindi molto condizionata.

Avete un team e-commerce o siete in pochi?

Anche questo aspetto è rilevante, perché si, potete affidare il marketing ed ottimizzazione ad un’agenzia esterna, ma prima o poi dovrete gestire un ordine, spedizione e relativa fatturazione da inviare al cliente, e questi passaggi sono automatici di default, oppure gestire un utente in chat che chiede informazioni.

Avere un team ha un costo di struttura ma permette anche di poter curare in modo approfondito ogni aspetto, se però si è soli o pochi ed indaffarati, conviene automatizzare e semplificare i processi.

Anche qui come? Con plug-in dedicati ed opzioni di codici realizzate su misura, entrambi però sono soluzioni a problemi che conviene affrontare prima.

A tutto questo c’è un perché, oggi esiste una moltitudine di opzioni per costruire un e-commerce, da quelle realizzate dai programmatori, che dovreste considerare solo se il progetto è molto importante e richiede una vera personalizzazione su misura.

Oppure esistono i CMS, piattaforme che forniscono una base su cui installare Temi e costruire il sito web, di seguito indichiamo quelli che secondo noi sono i migliori CMS in Italia, precisando che queste soluzioni sono di solito l’ideale per il 95% dei progetti di e-commerce, in quanto sono molto scalabili.

  • Magento ( adatto per gestire molti articoli e stabile nel multilingua)
  • Wocommerce ( soluzione perfetta per la scalabilità, ma non più di 100 prodotti totali*)
  • Storeden ( e-commerce con soluzioni di plugin integrate, il contro è un abbonamento mensile)
  • Prestashop ( ottima variante per negozi online da molti prodotti, contro, ogni modifica è un plugin)
  • Shopify ( variante semrpe per store con molti prodotti da gestire)

Le posizioni non sono a caso, Magento e WordPress sono le soluzioni ideali, con WordPress tutto è facilmente scalabile e stabile, con veramente un budget ridicolo d’investimento.

WordPress è stabile per pochi prodotti ( non più di 100 totali) ma se fatto in modo veramente professionale è veloce e stabile anche con tanti prodotti e traduzioni, ma solo per veri esperti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *