App immuni: un metodo efficace per contenere i contagi

L’app Immuni, ovvero la nuova applicazione per tracciare i contagi da Covid-19 è ormai attiva in tutte le regioni d’Italia. Chiunque la scaricherà sul suo smartphone potrà sapere se di recente è stato a contatto con persone che hanno contratto il virus. Per garantire la massima privacy si è scelto di usare la tecnologia Bluetooth Low Energy, anziché il GPS o le celle telefoniche.

App immuni: di cosa si tratta? Quali caratteristiche presenta?

App Immuni è arrivata in tutta Italia il 15 giugno ed è stata progettata gratuitamente dalla società Bending Spoons che ha sede a Milano. Questa app è utile per tracciare i casi di Covid-19 in Italia e si può scaricare gratis sui dispositivi Android, iOS e cellulari Huawei che usano il sistema operativo di Google.

È importante scaricare l’app da Play store o App store attraverso i canali ufficiali, poiché ultimamente stanno circolando mail false ed SMS con link che riportano ad app fake che in realtà sono solo virus. Una volta scaricata, per renderla operativa basta semplicemente attenersi alla procedura guidata che spiega le funzioni principali dell’applicazione. Per essere sempre attiva l’App ha bisogno della connessione bluetooth costantemente accesa.

Nel momento in cui il sensore non risulti attivo, una notifica avviserà di farlo. Questo prezioso strumento funziona solamente se un’ampia fetta di popolazione lo utilizzerà, e visto che è gratuito sarebbe un errore non sfruttarlo. L’app in sostanza presenta due funzionalità: il tracciamento tramite alcuni segnali Bluetooth fra due telefoni vicini ed un diario clinico.

Il tracciamento, consente di avvertire chiunque potrebbe essersi ammalato, in quanto recentemente senza volerlo si è avvicinato ad un individuo positivo. Traccia senza raccogliere dati personali e senza nemmeno utilizzare la geo-localizzazione. Per quanto concerne il diario invece, l’app Immuni vuole la risposta precisa di un questionario giornaliero sul proprio stato di salute.

Come funziona l’app immuni

In tutti i dispositivi dove è installata l’App Immuni automaticamente si associa un casuale codice alfanumerico. Il codice in questione, è una stringa che non presenta alcun dato personale, anzi il suo scopo è proprio quello di garantire la privacy nel migliore dei modi.

Non salva nemmeno un solo dato personale (nome, cognome, data di nascita) e non raccoglie le info riguardo la propria posizione e gli spostamenti in corso. Appena si viene a contatto con una persona che dispone di Immuni attiva, i dispositivi si scambiano il codice attraverso bluetooth.

Ogni codice raccolto degli individui con cui si ha avuto un contatto viene mantenuto sul dispositivo. Soltanto quando una persona risulta positiva al Covid-19 potrà decidere liberamente se caricarli sul server dell’App oppure no. Una volta ricevuto più di un avviso, Immuni aiuterà il possibile contagiato, consigliando i comportamenti che dovrà tenere. Fra questi c’è la prevenzione, il test e l’autoisolamento oppure il tampone diagnostico.

Con Immuni si sfrutta la tecnologia per una buona causa riuscendo a contenere una nuova ondata di contagi. È importante pure ridurre allo stretto necessari i contatti con le persone in modo da non spargere il virus. Venendo informati immediatamente, gli utenti dovrebbero telefonare al proprio medico di base per una buona prevenzione.

In definitiva…

Visto che si tratta di un app facoltativa e non obbligatoria, Immuni si basa principalmente sul buon senso della popolazione italiana. Anche se è volontaria però, si consiglia comunque di scaricarla per il bene di tutti. Inoltre, soltanto le autorità sanitarie hanno l’autorizzazione di inviare l’allerta e chi dovesse risultare positivo al test dovrà a sua volta (volontariamente) inoltrarla.

L’unica cosa certa è che in nessun caso il mittente o il destinatario conoscerà l’identità dei soggetti coinvolti. Infine, i dati vengono controllati dal ministero della Salute che li eliminerà entro e non oltre il 31 dicembre 2020.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *