Lo scanner facciale del Galaxy S8 può essere ingannato con una foto

0 5

Pochi giorni dopo la presentazione del Samsung Galaxy S8 qualcuno ha già dimostrato come lo sblocco con viso-scanning non è sicuro. Un blogger di Marcianophone ha infatti ingannato il Galaxy S8 con un selfie salvato su un altro dispositivo. Lo smartphone si è sbloccato, anche se ci sono voluti un paio di secondi.

Samsung ha già notato che la scansione del viso non è la forma di autenticazione più sicura. Utilizzando l’impronta digitale, l’iride o il PIN invece si rende lo sblocco più sicuro. Sicuramente Samsung sta ancora lavorando sulla funzione del viso-scanning nei suoi Galaxy S8 e Galaxy S8+.

Dal punto di vista della sicurezza la facilità con cui sarebbe possibile ingannare il sistema di riconoscimento facciale del Galaxy S8 fa preoccupare gli utenti. In un video vediamo come sia sufficiente utilizzare uno smartphone con l’immagine dell’utente per superare il sistema di sicurezza con viso-scanning.

Nel video si vede che sono necessari alcuni tentativi prima di sbloccare il Galaxy S8 però alla fine viene sbloccato. Ovviamente va detto che la foto è stata scattata ad una certa distanza e non è detto che a distanze diverse possa funzionare lo stesso. Quindi, vanno un pò studiato le distanze e le angolazioni per poter sbloccare lo smartphone con un selfie.

Nonostante nel video viene mostrato come sbloccare un Galaxy S8 non è possibile capire quali devono essere le caratteristiche dell’immagine per sbloccare lo smartphone. E’ vero che ci sono altri metodi per lo sblocco dello smartphone, più sicuri, però è pure vero che chi compra uno smartphone top di gamma e soprattutto a questo prezzo vuole poter utilizzare tutte le funzionalità che offre in tutta sicurezza ed il fatto che l’accesso al proprio smartphone, ad esempio, con una foto rubata sui social è molto increscioso.

Ecco il video:

Come funziona il viso-scannig di Galaxy S8?

Il riconoscimento facciale viene utilizzato in biometria per identificare o verificare l’identità di una persona a partire da una o più immagini che la ritraggono. Il riconoscimento avviene mediante tecniche di elaborazione digitale delle immagini, ignorando tutto quello che non rappresenta una faccia, come edifici, alberi, corpi. In pratica viene riconosciuto un pattern, dove il pattern da riconoscere, appunto, è il viso umano.

Nei primi sitemi per l’individuazione di una faccia si tenevano conto che un viso umano è composto da due occhi, un naso e una bocca. Invece, i sistemi più recenti riescono a riconoscere una persona anche se questa ha il viso ruotato nel senso che non è in posizione frontale. Il riconoscimento può avvenire modellando la faccia come un oggetto in due dimensioni o in tridimensionale.

Galaxy S8 utilizza un proprio algoritmo per il riconoscimento facciale. Praticamente è una modifica ai principali algoritmi che sono stati implementati per il riconoscimento facciale. Come abbiamo visto nel video questo sistema si può bypassera quindi capiamo bene come ancora c’è da lavorare su questi algoritmi. Ricordiamo che la tecnica del viso-scanning fa parte dell‘intelligenza artificiale, una parte della scienza che ogni giorno si evolve sempre più.

Lo scanner facciale del Galaxy S8 può essere ingannato con una fotoSenza dubbio Samsung è già a lavoro su questo aspetto. La speranza è quella che riesca a risolvere il problema già prima di inviare i primi Galaxy S8 agli utenti che hanno effettutato una pre-ordinazione. Aspettiamo comunque che Samsung parlerà di questa cosa e soprattutto che spigherà come risolverla.

Fonte

Potrebbe piacerti anche Altri di autore