Google Maps: ora si può impostare un promemoria di parcheggio

0 9

Google ha aggiunto alcune funzioni utili nell’app Google Maps, tra le quali c’è quella che ricorda dove avete lasciato l’auto.

In un’ultima beta dell’app su Android, toccando un piccolo puntino blu sarete in grado di impostare un promemoria di parcheggio. In questo modo si aprirà una schermata che consente di immettere note e foto per aiutarvi a ricordare il punto specifico l’auto. L’applicazione permette anche di includere quanto tempo avete per rimanere sul posto (ad esempio l’orario di parcheggio), e sarà impostato un timer per avvisarvi che il tempo sta per scadere.

Lo svantaggio, per ora, è che niente di tutto questo è automatizzato. Infatti, si dovrà passare attraverso Google Maps se si vuole veramente assicurarsi che il c’è un promemoria sul telefono. Questo è chiaro esempio in cui Google sta, ancora una volta, facendo concorrenza ad Apple. Apple ha già iniziato dallo scorso anno a dare la possibilità di mettere un promemoria auto, ed è in grado di fornire una certa automatizzazione di questa funzionalità. Apple include anche un posto per allegare note e una foto.

GoogleMaps

Per il momento, questa funzione è implementata all’interno della versione beta di Google Maps su Android. Questo sistema torna utile se ci si trova in ampi parcheggi (tipo quelli suddivisi in diversi piani). Il sistema è molto efficiente, ma, come dicevamo prima, l’attivazione deve essere manuale visto che non è dotato di un sistema automatico per recuperare la posizione.

GoogleMaps2Su quali versioni di Google Maps è disponibile?

Per ora questa funzionalità è prevista solo per i dispositivi con sistema Android, anche se sicuramente in futuro verrà aggiornata anche per iOS. Visto che ancora è in fase di beta ci aspettiamo che Google, prima di rilasciare l’aggiornamento ufficiale per tutti i dispositivi, cerca in qualche modo di rendere automatica l’aggiunta del promemoria per il parcheggio. Oppure, pensiamo pure, che Google rilasci prima una versione un pò più “grezza” e poi via via renda questa funzionalità sempre più gradevole.

Fonte

Potrebbe piacerti anche Altri di autore