Frequenze LTE e 4G vediamo come controllare quelle supportate dal nostro smartphone

frequenze-operatori-italiani

LTE e 4G, ormai queste due termini, che in realtà indicano la stessa cosa sono di uso quotidiano, spesso però ignoriamo prima di acquistare uno smartphone le frequenze che esso supporta. Infatti molti telefoni cinesi, come ad esempio la maggior parte dei modelli Xiaomi non ha la banda 20 (800 Mhz) italiana, il che può portarci dei problemi, quindi abbiamo deciso di fare chiarezza sulle frequenze italiane di telefonia mobile.

Spesso vi segnaliamo delle ottime offerte provenienti da Gearbest o altri negozio online cinesi, ma prima procedere con l’acquisto di uno smartphone o altro dispositivo dotato di tecnologia 4G LTE, dovete necessariamente tenere conto delle frequenze e delle bande che usa il vostro operatore telefonico.

Iniziamo subito dicendo che nel nostro paese, abbiamo quattro diverse bande LTE e 4G sono le seguenti: 800 MHz, 1800, 2600 e 2600 TDD.

Qui sotto mettiamo a disposizione la tabella con le frequenze LTE e 4G con la relativa spesa degli operatori italiani che tutti conosciamo:

LTE e 4G

Le bande LTE e 4G qui sopra sono differenziate dalle frequenze di utilizzo dei vari operatori, che hanno lo scopo di avere velocità diverse. Ad esempio la frequenza da 2600 Mhz (quindi quella più alta) avrà una velocità di Download 100Mbps e Upload 50 Mbps maggiore, ma la distanza di copertura sarà minore.

Da ciò è facile dedurre che l’operatore LTE e 4G che ha la banda più alta avrà una velocità maggiore, ma questo comporta che ci dovranno essere più antenne per avere una buona copertura.

La banda più bassa, ad esempio quella da 800 Mhz avrà una maggiore copertura, ma la velocità sarà non di molto superiore alla rete 3G.

Quindi basandoci sulla tabella qui sopra possiamo notare che 3 Italia non ha la banda ad 800 Mhz, ed è l’unico ad avere quella da 2600 TDD, quindi possiamo dire che l’azienda ha fatto un investimento per il futuro. Questo perché ha speso molto meno degli operatori concorrenti, e quel risparmio potrà investirlo nei prossimi anni per avere maggiori infrastrutture in modo da avere la rete LTE e 4G più veloce in Italia.

Quindi se il vostro operatore è 3 Italia non avrete mai nessun problema con smartphone cinesi come ad esempio Xiaomi in quanto tutti hanno la banda 2600 TDD.

Qui sotto riassumiamo tutte le frequenze smartphone 4G LTE

Rete 2G – GSM/GPRS/EDGE
le frequenze non sono solo italiane, infatti più o meno sono le stesse in tutto il mondo: 900 MHz (EGSM-900) e 1800 MHz (DCS-1800)

  • TIM: EGSM-900
  • Vodafone: EGSM-900
  • Wind: DCS-1800 (EGSM-900 solo in alcune zone)
  • 3 Italia: EGSM-900

Rete 3G – UMTS/WCDMA
le frequenze Europee sono Band I (W-CDMA 2100) e Band VIII (W-CDMA 900), è UMTS-FDD. In Cina si usa l’UMTS-TDD chiamato anche TDSCMDA (frequenze simili ma non compatibili)
Tutte e due utilizzate dagli operatori italiani

Rete 4G – LTE
le frequenze italiane sono la B3 (DCS-1800) B7 (IMT-E-2600) B20 (EU DD – 800 standard europeo)
le frequenze utilizzate nel mondo sono B1 (IMT-2100) B3 (DCS-1800) B7 (IMT-E-2600) B28 (APT-700) in FDD-LTE ma anche B38 (IMT-E TDD 2600) B40 (TDD 2300) in TDD-LTE

  • TIM: B3 B7 e B20
  • Vodafone: B3 B7 e B20
  • Wind: B7 e B20
  • 3 italia: B3 e B7 , più la B38 @2600MHz in TDD-LTE.

Speriamo di esservi stati utili con questa breve guida sulle frequenze smartphone LTE e 4G. Se questo articolo vi è piaciuto condividetelo con i vostri amici!

Nato nel 1985 sin da piccolo mi sono appassionato alla tecnologia, dapprima con il Commodore-64, fino ad arrivare al primo PC, ora mi dedico per passione al mondo mobile.