Attenzione! Tramite una falla di sicurezza di iOS potreste bloccare i messaggi su iPhone.

Da poche ore circola un video che mette in evidenza questa falla di iOS.

Iniziamo col dire che un sistema operativo senza falle di sicurezza è praticamente impossibile da trovare.

Anche quei software o ecosistemi realizzati appositamente per la massima sicurezza, hanno qualche punto debole.

L’unica cosa che rende veramente sicuro un OS o un software è accorgersi prima dell’hacker la presenza della falla, in modo da eliminarla prima che venga attaccata.

Su Android e iOS, la scoperta di nuovi bug o vulnerabilità è quasi all’ordine del giorno.

Molti problemi vengono risolti direttamente da Google ed Apple con aggiornamenti di versione o distribuzione.

Altri invece emergono grazie ad utenti e sviluppatori o ancora hacker.

Quindi anche per “sbaglio” un utente può scoprire una falla nel sistema.

Gli hacker sfruttano le falle per scopi vari dal root su Android, al Jailbreak su iOS al furto di dati sensibili tramite malware e simili.

Oggi è toccato ad iOS

Ebbene si, oggi è toccato ad iOS a partire dalla versione 9 in poi.

Tramite un particolare messaggio inviato tramite iCloud, è possibile bloccare l’applicazione messaggi.

Praticamente la manda in crash ed impedisce la riapertura.

Unica soluzione è un reset del telefono.

Oppure se conoscete il link per il ripristino utilizzarlo per far funzionare nuovamente iMessage.

Nel video (qui sotto) è mostrato come avviene il blocco.

Vediamo che tramite la ricezione di un messaggio con allegato contatti di grandi dimensioni, basta cliccarlo, e l’app va in crash.

Ecco, questo è un caso dove l’utente/hacker ha scoperto prima di Apple la falla presente nel sistema.

Non resta che attendere un fix per questo problema da parte di Apple.

Sicuramente tramite futuri aggiornamenti del software.

Al momento la falla non dovrebbe destare particolare preoccupazione.

La cosa che vi consigliamo è che se doveste ricevere un messaggio con allegati molto pesanti e con contatti controllare bene prima di aprirlo.

Fonte