Come fare il root su Samsung S7 e S7 Edge

Vediamo come rootare il vostro Samsung S7

Anche i Samsung S7 e S7 Edge hanno dei limiti, pur essendo ottimi. Se non volete la TouchWiz o cercate funzioni extra bisogna fare il root. Ho una buona notizia e una cattiva. Solo i Samsung S7 ed S7 Edge non americani, quelli con processore Exynos, possono essere rootati. Quelli con uno Snapdragon 820 no, perchè hanno il bootloader bloccato. Sappiate che rootare il telefono ne farà decadere la garanzia. Inoltre potreste avere problemi irreparabili durante la procedura. Vi consiglio di stare attenti, leggendo la guida prima di cominciare. Se avete dubbi personalizzate il vostro Android con applicazioni più semplici. Allora, prima di cominciare dovrete scoprire quale modello avete. Effettuate anche un backup di tutti i vostri dati. E vi ricordo che fare il root bloccherà il sistema di sicurezza Knox di Samsung e Samsung Pay (che in Italia non è attivo) non funzionerà. Pronti? Si parte!

Samsung Galaxy S7 e Galaxy S7 edge

Iniziate attivando le Opzioni sviluppatore seguendo il percorso Impostazioni> Info dispositivo e selezionando per sette volte consecutive la voce Numero Build. Tornate indietro al menu principale e vedrete la voce Opzioni sviluppatore comparire magicamente tra le impostazioni. Da questo menu attivate la voce Debug USB.  Accendete il vostro computer e scaricate il software Samsung Odin, i driver del dispositivo ed il file Chainfilre Auto-root analogo: Auto-root file per Samsung Galaxy S7 o Auto-root file per Samsung Galaxy S7 Edge .

Una volta scaricato, decomprimete il file Zip. Tornando allo smartphone, selezionate contemporaneamente tasto home + tasto di accensione + volume basso fino alla modalità download. A questo punto aprite Odin sul vostro pc e connettete lo smartphone via USB. Il programma dovrebbe notificare l’avvenuta connessione. Su Odin cliccate AP e selezionate il file .tar.md5  decompresso. Poi selezionate Auto-Reboot e F.Reset e deselezionate invece Repartition. Cliccate Start. Il processo durerà qualche minuto ed alla fine il vostro smartphone si riavvierà automaticamente. Avete ottenuto i permessi di root. La procedura non sempre funziona al primo colpo. Se avete avuto problemi e siete sicuri di aver seguito tutti i passaggi, ricominciate. Questa volta però deselezionate la casella Auto-Reboot. In questo modo sarete però voi a dover avviare lo smartphone manualmente in modalità recovery con tasto home + tasto di accensione + volume alto finché si riavvierà lo smartphone e partirà il processo di root.

Che resta da dire? Auguri a tutti per un felice 2017!!!!

androidpit installing android lollipop on note 3 odin 3